Rhythmbox 3 su Ubuntu 13.04/13.10

ImmagineDisponibile già da tempo, è possibile installare la nuova versione 3.0 di Rhythmbox che porta diverse migliorie sia estetiche (evidente la nuova grafica dei pulsanti principali, delle icone laterali e della progress bar) che strutturali. E’ infatti ottimizzata l’integrazione con il nuovo Gnome 3.10 e ridefinito il nuovo tag editor dei brani.

Per installarla configuriamo il ppa:

Per Ubuntu 13.10:

  • sudo add-apt-repository ppa:fossfreedom/rhythmbox
    sudo apt-get update
    sudo apt-get install rhythmbox

Per Ubuntu 13.04:

  • sudo add-apt-repository ppa:jacob/media
    sudo apt-get update
    sudo apt-get install rhythmbox
Annunci

Ubuntu 13.04, rimuovere Kubuntu desktop

kde-sc-4.10

Qualora aveste installato l’interfaccia KDE (invece di installare la distro specifica Kubuntu) in Ubuntu 13.04 e non vogliate più averla nel sistema, tornando ad un sistema pulito, aprite il terminale e digitate quanto segue:

Continua a leggere

Geary, elegante e minimalista client email per Linux

geary-home1

Oggi vi suggerisco Geary, un programma scritto in Vala leggero ma funzionale per la gestione della posta elettronica su Linux. Integrato perfettamente in ambiente gnome è basato sul concetto di conversazione, come l’interfaccia standard di gmail, rendendo semplice ed intuitivo seguire il flusso cronologico delle emails scambiate. Pur essendo ancora in fase di sviluppo devo dire che il client si comporta benissimo ed integra di default l’ importazione di gmail permettendo la gestione di ulteriori accounts tramite imap.

Geary è disponibile nei repositories standard di Ubuntu 13.04 e potete installarlo quindi da Ubuntu Software Center o da terminale:

  • sudo apt-get install geary

Per le versioni 12.04 o 12.10 di Ubuntu è necessario invece installare il PPA:

  • sudo add-apt-repository ppa:yorba/ppa -y && sudo apt-get update && sudo apt-get install geary

vai-al-link

Ubuntu e il problema gksu

gksu

Per correggere il comportamento anomalo di gksu in Ubuntu 13.04 (è infatti preconfigurato per su e non sudo) affidiamoci al terminale.

Per prima cosa accertiamoci di averlo installato correttamente:

  • sudo apt-get install gksu

poi, sempre da terminale:

  • gksu-properties

e selezioniamo sudo al posto di su.

Via LFFL

Gnome e il cestino ottuso

A volte può succedere, soprattutto quando si alterna l’utilizzo di Nautilus da utente normale ad amministratore, che il cestino si ostini a mantenere alcuni files.

Può essere solo una seccatura ma nel caso ci fossero files di diversi mb come quelli multimediali diventa indubbiamente un problema di spazio.

Come al solito in questi casi, affidiamoci al terminale:

  • sudo rm -rf ~/.local/share/Trash/files/*
    sudo rm -rf ~/.local/share/Trash/info/*

e il problema è risolto.

Ubuntu 13.04, installare Gnome-Shell 3.8 (aggiornato)

ubuntu gnome shell

Come sappiamo Ubuntu esce di default con l’interfaccia proprietaria denominata Unity, scelta che ha determinato opinioni discordanti circa le sue prestazioni ed usabilità. Personalmente Unity sulle mie macchine, tutte relativamente recenti, si comporta molto bene e dopo un certo periodo di assuefazione alle nuove funzioni devo dire che comincio ad apprezzare la scelta di Canonical (certo, dopo aver affinato alcune cose, vedi la mia guida).

In questo post vediamo come aggiornare il sistema a gnome 3.8 (Ubuntu 13.04 si basa su gnome 3.6) ed installare Gnome-Shell.

Continua a leggere

Windows 8-Ubuntu e il problema dei dischi non montabili

Una utile funzionalità di Windows 8 è certamente la funzione avvio-rapido (fast startup) che permette il riavvio molto veloce del sistema.

Molti utenti Linux con entrambi i sistemi installati hanno però notato l’ impossibilità di montare le partizioni/dischi proprio a causa di questa funzione di Windows; vediamo come risolvere il problema disabilitandola.

Apriamo il prompt dei comandi con diritti di amministratore e digitiamo:

  • powercfg /h off

Alternativamente è possibile farlo graficamente dal pannello di controllo, tra le opzioni energetiche, c’è l’ apposito flag da deselezionare. Al prossimo riavvio il file system delle partizioni o dei dischi sarà normalmente montabile in Ubuntu.